Stocks it
FinanzaeDiritto sui social network
23 Ottobre 2018  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Contributi INPS per colf e badanti

30 Marzo 2010 - Autore: Dott. LUCIANO CHIARI - Commercialista


 

www.studiochiari.com

 

Nuovi contributi Inps per colf e badanti

 

            Per il personale domestico entro il 10 aprile si dovrà versare all'Inps la prima rata trimestrale (gennaio-marzo) dei contributi, sulla base dei nuovi valori.

            Con la circolare Inps n. 11 del 28 gennaio, sono stati resi noti i contributi per colf e badanti in vigore dal 1° gennaio 2010.

            Gli importi sono stati aggiornati alle nuove fasce di retribuzione, rilevate dalla variazione annuale Istat sui consumi che, tra il 2008 e il 2009, è risultata dello 0,7 per cento.

            L’aumento dell'importo contributivo risulta essere modesto, infatti, ad esempio, nella prima fascia di retribuzione oraria (fino a 7,22 euro l'ora) si registra un +0,01% rispetto al 2009.

            Nella tabella sottostante sono riportati i nuovi importi che decorrono dal 1° gennaio al 31 dicembre 2010.

            Si ricorda che quando il lavoratore è coniuge del datore di lavoro oppure è parente o affine entro il terzo grado nonché convivente, il contributo è dovuto senza la quota degli assegni familiari.

 

Retribuzione

effettiva oraria

Importo contributo orario

 

Con quota

assegni familiari

Senza quota

assegni familiari

Fino ad € 7,22

€ 1,34 di cui € 0,32 a carico del lavoratore

€ 1,34 di cui € 0,32 a carico del lavoratore

Oltre € 7,22 e fino

ad € 8,81

€ 1,51 di cui € 0,36 a carico del lavoratore

€ 1,51 di cui € 0,36 a carico del lavoratore

Oltre € 8,81

€ 1,85 di cui € 0,44 a carico del lavoratore

€ 1,84 di cui € 0,44 a carico del lavoratore

Lavoro superiore a 24 ore settimanali

€ 0,98 di cui € 0,23 a carico del lavoratore

€ 0,97 di cui € 0,23 a carico del lavoratore

 

            La circolare dell'Inps riporta inoltre, per il medesimo periodo, la tabella con i coefficienti di ripartizione delle quote versate. I datori di lavoro possono dedurre dal proprio reddito la parte dei contributi previdenziali e assistenziali (rimasta a loro carico) versati per i lavoratori domestici, per un massimo di 1.549,37 euro annui.             Per fruire dell'agevolazione fiscale in sede di dichiarazione dei redditi, è necessario conservare i bollettini Inps dei versamenti.

            I contributi si pagano ogni trimestre alle seguenti scadenze:

-          dal 1° al 10 aprile per il 1° trimestre

-          dal 1° al 10 luglio per il 2° trimestre

-          dal 1° al 10 ottobre per il 3° trimestre

-          dal 1° al 10 gennaio per il 4° trimestre.

            Il versamento può essere effettuato presso gli uffici postali, le tabaccherie o tramite il servizio telematico dell'Inps "Pagamento online contributi lavoratori domestici", all'interno dei "Servizi on line" del sito.

 




            

Altri articoli scritti da Dott. LUCIANO CHIARI - Commercialista

Ultimi commenti degli utenti

vorrei sapere conto devo pagare per i contributi.. per uno anno

17 Ottobre 2010 ore 23:27:12 - serigne babacar ciss






cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting