bpprime
FinanzaeDiritto sui social network
11 Dicembre 2018  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




COME CAMBIA LA NUOVA IVA AL 21%. TUTTE LE RISPOSTE SULLA NUOVA IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO NEL 2011 E 2012

8 Settembre 2011 - Autore: Redazione


QUALI PRODOTTI SARANNO INCISI DALLA NUOVA IVA AL 21%?

I principali prodotti incisi saranno: caffè, vino, spese per idraulico, bollette elettriche, auto, tv, moto, scarpe, abbigliamento e altri...

 

QUALI PRODOTTI SONO ESCLUSI DALLA NUOVA IVA AL 21%?

I principali prodotti esclusi dal provvedimento sono: frutta, verdura e latte, i libri e i giornali e le vendite delle abitazioni «prima casa» e non. Esclusi anche uova, birra e bollette elettriche per grandi industrie.

 

SALIRANNO I PREZZI?

Secondo il governo l’impatto inflattivo sarà meno dello 0,8%. Di parere diverso le associazioni dei consumatori che vedono un aumento indiscriminato sui prezzi. In particolare per il presidente del Codacons Carlo Rienzi «il rialzo porterà a un aumento di tutti i prodotti indistintamente perché l'Iva viene scaricata sui consumatori. Saremo destinati a veder salire anche l'inflazione».

 

QUANTO MISURA IL GETTITO PREVISTO?

Il gettito è stato misurato tra i 4 e i 5 miliardi all'anno.

 

E’ UNA STANGATA O UN AGGRAVIO CONTENUTO?

Il Codacons quantifica questa manovra in un costo aggiuntivo per famiglia pari a 290 euro l'anno, ma che salirebbero fino a 385 euro per una famiglia di 4 persone. I calcoli della Cgia di Mestre, l'associazione degli artigiani, usa toni più morbidi come «aggravio contenuto», valutando la misura del governo il «male minore».

 

COME CAMBIANO LE ALTRE ALIQUOTE?

Occorre ricordare che l’unico aumento di aliquota riguarda l'aumento dell'Iva ordinaria al 21%, e che, quindi, le altre aliquote rimangono immutate. La minima agevolata al 4%, che interessa alcuni generi alimentari come frutta, verdura e latte, i libri e i giornali e le vendite delle abitazioni «prima casa».

L'aliquota ridotta resta al 10% ed è applicata, ad esempio, a uova e birra (mentre il vino è al 21%) e alle cessioni di abitazioni che non hanno il requisito di «prima casa», ma anche alle bollette elettriche per alcuni grandi clienti industriali come possono essere le acciaierie.

 

Per approfondimenti sulla nuova manovra finanziaria 2011

 

La redazione

 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento








cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting