ActivTraderApp
FinanzaeDiritto sui social network
23 Maggio 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




BoE, Riunione del comitato di politica finanziaria in italiano

3 Luglio 2018 - Autore: Redazione


Nella sua riunione del 19 giugno 2018, il comitato di politica finanziaria (FPC) ha dichiarato..

Negli ultimi mesi c'è stata una certa riduzione della propensione al rischio domestico, sebbene sia rimasta forte. Ha convenuto che i rischi derivanti dalle vulnerabilità globali sono rimasti materiali e sono aumentati.

Mantenuto il coefficiente patrimoniale del capitale anticiclico del Regno Unito (CCyB) all'1%. Condurrebbe normalmente una valutazione completa della resilienza del sistema bancario del Regno Unito nello stress test del 2018 e verificherebbe l'adeguatezza del tasso dell'1% CCyB. Ha continuato a giudicare che il sistema bancario del Regno Unito potrebbe sostenere l'economia reale attraverso una Brexit disordinata.

Continua a monitorare i preparativi per mitigare l'interruzione dei servizi finanziari che potrebbero derivare dalla Brexit. Giudicò che erano stati compiuti progressi ma che rimanevano dei rischi materiali. I maggiori rischi rimanenti di interruzione sono stati i casi in cui era necessaria un'azione da parte delle autorità britanniche e dell'UE, come ad esempio garantire la continuità dei contratti derivati esistenti. Finora l'UE non aveva indicato una soluzione analoga a un regime di permessi temporanei. Il comitato ha accolto favorevolmente l'istituzione, nel mese di aprile, di un gruppo di lavoro tecnico, presieduto dalla Banca centrale europea e dalla Banca d'Inghilterra, sulla gestione del rischio nel settore dei servizi finanziari nel periodo compreso tra il 30 marzo 2019.

Ha ribadito che, indipendentemente dalla particolare forma delle future relazioni del Regno Unito con l'UE, e coerentemente con la sua responsabilità statutaria, il FPC rimarrebbe impegnato nell'attuazione di solidi standard prudenziali nel Regno Unito. Ciò richiederebbe il mantenimento di un livello di resilienza almeno pari a quello attualmente pianificato, che superava di per sé quello richiesto dagli standard di riferimento internazionali.

Concordato di stabilire degli standard per quanto rapidamente le aziende finanziarie critiche debbano essere in grado di ripristinare i servizi vitali in seguito a un attacco informatico. Lavorando con altri, in particolare con il National Cyber Security Center, la Banca testerebbe che le imprese sarebbero in grado di soddisfare gli standard FPC per il recupero dei servizi.

Concordato che la continua dipendenza dei mercati finanziari dal Libor ha rappresentato un rischio per la stabilità finanziaria che potrebbe essere ridotta solo attraverso una transizione verso tassi alternativi. L'FPC monitorerà i progressi e riferirà regolarmente.

È stato concordato di condurre e comunicare l'esito della revisione pianificata del suo quadro di coefficiente di leva finanziaria una volta che vi è stata ulteriore chiarezza sull'attuazione finalizzata del requisito del coefficiente di leva finanziaria nella legislazione dell'UE e su come potrebbe influire sulle imprese del Regno Unito. Nel frattempo, ha sostenuto i piani dell'autorità di regolamentazione prudenziale di consultare l'attuazione dei requisiti del coefficiente di leva finanziaria parallelamente all'introduzione di requisiti ponderati per il rischio per sottogruppi bancari ad anello sistemici e società di grandi dimensioni soggetti a un buffer di rischio sistemico a partire dal 2019.

Pubblicato il 03 luglio 2018




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento




Tag

finanza 










Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades