FinanzaeDiritto sui social network
20 Maggio 2019  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




ANIMA SGR LANCIA GIORNALECAFFE.IT, IL SIMULATORE CHE MOSTRA QUALE PATRIMONIO POTRESTI ACCUMULARE RISPARMIANDO GIORNALMENTE E INVESTENDO POCHI EURO

18 Febbraio 2015 - Autore: Redazione


Di quale somma disporresti oggi se i tuoi genitori avessero risparmiato ogni giorno per te pochi Euro da quando sei nato? Quanti soldi avresti se ogni giorno, da quando sei maggiorenne, avessi accantonato l’equivalente di un giornale e di un caffè? Che patrimonio potresti offrire oggi a tuo figlio se quotidianamente avessi messo da parte una tale somma dal giorno della sua nascita?

Queste domande, comuni ma dalle risposte sorprendenti, sottendono un concetto molto importante: anche piccoli importi, accumulati e investiti con costanza, possono portare a valori considerevoli. Per dare un’idea concreta di che cosa stiamo parlando, ANIMA, l’operatore indipendente leader in Italia dell’industria del risparmio gestito, ha creato un simulatore semplice e immediato per rispondere a queste domande attraverso un gioco. Basta collegarsi al sito www.giornalecaffe.it, inserire l’anno dal quale far partire il calcolo dei propri possibili risparmi e il calcolo è fatto: in un attimo il simulatore ti mostra quale sarebbe oggi il patrimonio a disposizione.

Il gioco, chiamato Giornale & Caffè per esemplificare le piccole somme che ogni giorno si dedicano all’acquisto di beni di consumo comuni, ha lo scopo di far toccare con mano come pochi euro, moltiplicati per molti giorni e con il tocco magico della capitalizzazione composta degli interessi, possano trasformarsi in cifre importanti. Gli effetti moltiplicatori della capitalizzazione composta degli interessi si fanno infatti sempre più significativi man mano che si allunga il periodo dell’accumulazione del risparmio. Per dare qualche esempio: chi avesse cominciato questo esercizio 10 anni fa, avrebbe messo da parte ad oggi 14.347 euro; chi avesse cominciato 20 anni fa avrebbe 29.370 euro e chi avesse cominciato 50 anni fa oggi disporrebbe di ben 96.196 euro (data di calcolo 31/10/2014).

C’è poi un altro grande vantaggio nell’investire, a rate, cifre tutto sommato contenute: dato il valore modesto del singolo investimento, le preoccupazioni sulla bontà del momento (“è il momento buono? E se domani la Borsa scende?”) risultano neutralizzate, in quanto la progressività dell’investimento consente di mediare i prezzi di acquisto.

Insomma, risparmiare e investire piccole cifre, mese dopo mese, può permettere negli anni di accantonare capitali davvero importanti e funzionare da antidoto allo stress sul momento di mercato.

Per chi è interessato agli ingranaggi del gioco, la simulazione si basa sull’effettivo costo di due tazzine di caffè e di un quotidiano nei decenni passati e ipotizza l’investimento di queste piccole somme (ai giorni nostri, poco più di un migliaio di euro in un anno) in un portafoglio diversificato, rappresentato sinteticamente per il 30% dall’indice delle azioni americane S&P500 (scelto perché dotato di una serie storica molto lunga) e per il 70% dall’indice obbligazionario Bankit Bot a 1 anno (sostituito dall’indice dei prezzi al consumo Istat fino al 1989).
 




            

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento













Powered by Share Trading
Everlasting

activtrades