Stocks it
FinanzaeDiritto sui social network
22 Ottobre 2018  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Ancora differimenti in tema di sicurezza sul lavoro: slittano al 16 maggio alcune disposizioni

16 Gennaio 2009 - Autore: Avv. Manuela Rinaldi

Il decreto legge n. 207 del 30/12/2008, c.d. decreto mille proroghe, concernente “Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni finanziarie urgenti”, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 31 dicembre 2008, n. 304, contiene la proroga dei termini di applicazione di alcune disposizioni del nuovo Testo Unico in materia di sicurezza sul lavoro, ovvero il d. lgs. n. 81 del 9 aprile 2008, entrato in vigore il 15 maggio dello scorso anno. Tra gli slittamenti previsti dal provvedimento de quo vi sono: - l'obbligo di comunicazione all'INAIL o IPSEMA, a seconda delle relative competenze, degli infortuni sul lavoro; - il divieto delle visite mediche preassuntive; - la valutazione dello stress lavoro- correlato; - la data certa nel DVR. Secondo quanto disposto da questo nuovo decreto, pertanto, slittano alla data del 16 maggio 2009, i termini di applicazione delle disposizioni appena elencate. Tale decreto, è in vigore dal 31 dicembre 2008 e dovrà essere convertito dalle Camere entro 60 giorni. L’articolo 32 del decreto, il quale prevede “modifiche al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, così dispone “1. Le disposizioni di cui agli articoli 18, comma 1, lettera r), e 41, comma 3, lettera a), del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e successive modificazioni, si applicano a decorrere dal 16 maggio 2009. 2. Il termine di cui all’articolo 306, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e successive modificazioni, con riferimento alle disposizioni di cui all’articolo 28, commi 1 e 2, del medesimo decreto legislativo, concernenti la valutazione dello stress lavoro-correlato e la data certa, è prorogato al 16 maggio 2009”. Con il comma 1 del sopra citato articolo vengono, quindi, prorogati al 16 maggio 2009 i termini di applicazione: - della disposizione relativa alla comunicazione all'INAIL o all'IPSEMA, in relazione alle rispettive competenze, a fini statistici e informativi, dei dati relativi agli infortuni sul lavoro che comportino un'assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell'evento e, a fini assicurativi, le informazioni relative agli infortuni sul lavoro che comportino un'assenza dal lavoro superiore a tre giorni (articolo 18, comma 1, lettera r del D. Lgs. n. 81/2008); si ricorda, per dovere di informazione, che per tali comunicazioni era già stato concesso un primo differimento dal 29 luglio 2008 al primo gennaio 2009, con la legge 129/08; - della disposizione relativa alla sorveglianza sanitaria in fase preassuntiva (articolo 41, comma 3, lettera a del D. Lgs. n. 81/2008) per l’applicazione della quale era stato, come già visto sopra, già concesso un primo slittamento dalla data del 29 luglio 2008 a quella del primo gennaio 2009. Il secondo comma dello stesso articolo ha come scopo di prorogare alla stessa data del 16 maggio 2009 il termine, già peraltro, fissato alla data del primo gennaio 2009, a partire dal quale diventano efficaci le disposizioni in materia di valutazione dei rischi da lavoro di cui all'art. 28, commi 1 e 2, del D. Lgs. n. 81/2008 ma limitatamente però agli obblighi della valutazione dello stress lavoro-correlato e della apposizione della data certa sui DVR, con le relative sanzioni. Il citato articolo 28 sulla valutazione dei rischi, così dispone: "1. La valutazione di cui all'articolo 17, comma 1, lettera a), anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro, deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell'accordo europeo dell'8 ottobre 2004, e quelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza, secondo quanto previsto dal decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, nonché quelli connessi alle differenze di genere, all'età, alla provenienza da altri Paesi. 2. Il documento di cui all'articolo 17, comma 1, lettera a), redatto a conclusione della valutazione, deve avere data certa e contenere: a) una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l'attività lavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; b) l'indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione di cui all'articolo 17, comma 1, lettera a; c) il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; d) l'individuazione delle procedure per l'attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell'organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri; e) l'indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio; f) l'individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento. 3. Il contenuto del documento di cui al comma 2 deve altresì rispettare le indicazioni previste dalle specifiche norme sulla valutazione dei rischi contenute nei successivi titoli del presente decreto." Non sono state previste, invece, proroghe per quanto concerne il termine ultimo per la elaborazione del DUVRI nel caso di contratti di subappalto, di appalto e di somministrazione stipulati prima del 25/8/2007 ed ancora in corso alla data del 31/12/2008. Gli stessi devono essere stati elaborati ed allegati ai contratti di appalto o di opera entro tale ultima data ai sensi dell'art. 26 comma 3 del D. Lgs. n. 81/2008. Avv. Manuela Rinaldi




            

Altri articoli scritti da Avv. Manuela Rinaldi

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento






cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting