cloud.infinox 2018
FinanzaeDiritto sui social network
19 Ottobre 2018  le interviste  |  professionisti  |  chi siamo  |  forum  |  area utenti  |  registrati

            




Aliquote contributive 2010: GESTIONE SEPARATA

19 Febbraio 2010 - Autore: Dott. LUCIANO CHIARI - Commercialista

 

www.studiochiari.com

 

ALIQUOTE CONTRIBUTIVE 2010

PER LA GESTIONE SEPARATA

 

            L’INPS, con la circolare 2.2.2010 n. 13, fornisce indicazioni in ordine alla contribuzione dovuta, per l’anno 2010, alla Gestione separata di cui all’art. 2 co. 26 della L. 335/95.

 

Soggetti iscritti solo alla Gestione separata e non pensionati

In primo luogo, la circolare in commento ricorda che, per effetto di quanto stabilito dall’art. 1 co. 79 della L. 247/2007, anche nel 2010 l’aliquota contributiva previdenziale (di finanziamento e di computo) relativa ai soggetti iscritti solo alla Gestione separata INPS e non pensionati - pari, nel 2009, al 25% - aumenta di un punto percentuale.

Con riferimento a tale categoria di iscritti, resta fermo, inoltre, l’obbligo di versare un contributo aggiuntivo a titolo assistenziale pari allo 0,72%, finalizzato al finanziamento delle prestazioni di maternità/paternità, assegno per il nucleo familiare, degenza ospedaliera e, in determinati casi, malattia.

 

Soggetti iscritti anche ad un’altra Gestione previdenziale o pensionati

Con riguardo ai soggetti iscritti anche ad un’altra Gestione previdenziale obbligatoria o pensionati, l’art. 1 co. 79 della L. 247/2007 ha, invece, stabilito che, con effetto dall’1.1.2008, l’aliquota contributiva previdenziale (di finanziamento e di computo) sia pari al 17%.

Tali soggetti non sono tenuti al versamento di alcun contributo a titolo assistenziale.

 

Aliquote contributive applicabili nell’anno 2010

Alla luce di quanto sopra, le aliquote contributive applicabili nel 2010 per gli iscritti alla Gestione separata risultano stabilite nelle seguenti misure:

-         26,72% (26% a titolo previdenziale e 0,72% a titolo assistenziale), per i soggetti che non risultino assicurati presso altre forme previdenziali obbligatorie, né pensionati;

-         17%, per i soggetti provvisti di altra tutela previdenziale obbligatoria o titolari di pensione.

 

Massimale di reddito per l’anno 2010

Le predette aliquote sono applicabili ai redditi conseguiti dagli iscritti alla Gestione separata fino al raggiungimento di un massimale di reddito pari, per l’anno 2010, a 92.147,00 euro.

 

Ripartizione dell’onere contributivo

Resta ferma la ripartizione dell’onere contributivo:

-        per 1/3 a carico del lavoratore (collaboratore coordinato e continuativo, con o senza progetto, lavoratore autonomo occasionale, venditore a domicilio);

-          per 2/3 a carico del committente.

 

Analogamente, rimane immutata la ripartizione:

-          per il 55%, a carico dell’associante in partecipazione;

-          per il 45%, a carico dell’associato in partecipazione.

 

Con riguardo ai professionisti iscritti alla Gestione separata in quanto privi di una Cassa di previdenza di categoria (c.d. professionisti senza Cassa), l’onere contributivo è, invece, totalmente a carico del soggetto, salva la facoltà di rivalsa, nei confronti dei committenti, nella misura del 4% dei compensi lordi.

 

Compensi corrisposti ai collaboratori entro il 12.1.2010

Infine, l’INPS ricorda che, in virtù dell’applicazione del c.d. principio di cassa allargato ex art. 51 del TUIR, le aliquote contributive in vigore nel 2009 (25,72% e 17%) rimangono applicabili in relazione ai compensi di collaborazione coordinata e continuativa relativi a prestazioni effettuate entro il 31.12.2009 e corrisposti fino al 12.1.2010 (compreso).

 




            

Altri articoli scritti da Dott. LUCIANO CHIARI - Commercialista

Ultimi commenti degli utenti

Nessun commento






cfsrating



Powered by Share Trading
Everlasting